Ecco i market e gli espositori che saranno presenti a #VNR17

Villa’n’Roll

Cicloama Lab (Sara Pasini):

Cicloama Lab, piccolo laboratorio sperimentale di tinture naturali e lavorazioni tessili per gli usi e costumi per un agreste vestire. Stole di seta, tessuti per capelli, astucci.

How To Fold (Giorgia Migliarini):

Questo brand è nato dalla passione e la volontà di Giorgia Migliaini per origami giapponesi.
In prima battuta How To Fold è stato e continua ad essere una scuola di origami che organizza workshop didattico/creativi e corsi che hanno avuto come risultato il nascere di interessanti collaborazioni e poi diventato un brand artigianato assortito producendo dai gioielli di carta a design per bambini. La forma, la dimensione del foglio e il tipo di carta sono elementi fondamentali su cui Giorgia lavora per creare e per insegnare alle persone come realizzare pezzi unici e semplici.

Zaini Selly Selly (Maura Biselli):

Zaini Selly Selly è un brand indipendente di zainetti fatti a mano. Per questo ogni prodotto è un vero e proprio pezzo unico. Un solo modello che cambia nei materiali e nei colori, ma non nella sua semplicità.

Giardini Riciclati (Giuseppe Di Lecce):

Giuseppe di Giardini Riciclati ha creato una sinergia tra fotografia e artigianato in un connubio perfetto, per chi come lui considera la fotografia un modo non solo per guardare il mondo ma anche per osservarlo toccarlo e ascoltarlo, sublimandone il pensiero e l’anima. Scattare per non dimenticare, per non smettere di guardare, stampare su legno per imprimere un ricordo indelebile. Verranno esposte immagini stampate su legno dei suoi viaggi e immagini di icone del nostro millennio.

Paolo Zera:

Paolo realizza oggetti personali ed etnici e tra le sue creazioni troverete anche bigiotteria e accessori non solo di sua produzione.

Meraviglioz (Stefania Paolucci):

Per Meraviglioz la ricerca del vintage e del bello sono solo il punto di partenza di un percorso eclettico che va dalla selezione di abbigliamento ed accessori d’altri tempi, alla realizzazione di gioielli di design unici a partire da materiali antichi e di recupero: un caleidoscopio di suggestioni e colori dal quale difficilmente si esce senza aver trovato qualcosa in cui rispecchiarsi.

Alice Blome Sartori (Paola Dell’Eva):

ALICE BLOME SARTORIA marchio di abbigliamento e accessori handmade, donna uomo unisex. Piccole collezioni di ispirazione vintage ma anche con linee molto minimali disegnate e cucite a mano da Paola Dell’Eva nel suo atelier/shop di Bologna. Attenta alla ricerca di materiali pregiati e unici, Paola propone una moda etica e sostenibile.

 

Black Marmelade:

Black Marmalade Records è un accogliente contenitore musicale per chi vuole esplorare le sonorità a 360°. Novità & rarità in vinile e cd, nuovo e usato. Una bottega di idee, una fucina per nuovi talenti e un covo sicuro per chi vuole scoprire nuovi ascolti e per chi è alla ricerca di nuove atmosfere e sensazioni.

Ingrana Lasercut (Andrea Sette Panella):

Creazioni di spillette e piccole lampade in legno con il frontalino in plexiglass intercambiabile, in modo da cambiare “messaggio” ogni volta lo si desideri!

Cugine Mancine (Silvia e Ilaria) :

A parte la ceramica e i disegni quasi tutto quello che realizzano è concepito per essere portato addosso.
Le due cugine Cercano di reinterpretare a modo loro un mondo fatto di elementi semplici e riconoscibili: casette, bamboline, uccellini, ecc. Tutti simboli, anzi simbolini che fanno il solletico alla parte più bambina. Ci sono inoltre dei loro disegni cercando di variare il più possibile l’uso di materiali e di tecniche: cartapesta, ceramica, cotone e lana lavorati all’uncinetto, stoffe vintage.

Dj Domani (Andrea Fabrizioli):

Vario assortimento di canotte e cappellini personalizzati.

 

Surf The Road (Gianmarco, Luca e Marco):

“Perché le tavole con cui andiamo non ce le facciamo noi anziché comprarle sempre?” così i tre rider rider e ideatori del team Surf The Road hanno cominciato a girare alla ricerca dei materiali, del legno giusto, di colla e di una pressa adattata al momento rintanandosi nel loro “laboratorio segreto” per creare splendide Longboard (variante dello skateboard). Questo tipo di tavola riesce a simulare il movimento del surf, un vero e proprio mix di realtà diverse, mare e asfalto.

ANIMA (Jonata Canapeti e Luca Alessandrini):

ANIMA è un progetto di autoproduzione, un brand che utilizza il metodo della stampa serigrafica per creare magliette ed altri supporti: Jonata disegna, Luca stampa. Ogni illustrazione è intrisa di concettualità: non c’è niente di meglio di t-shirt, felpe e shopper per comunicare un’idea. La forma estetica piacevole, inoltre, sappiamo che aiuta la trasmissione del messaggio. In altre parole, fanno propaganda.

 

Carpe Riem

Guido Brualdi:

Guido Brualdi è Lucy Anne Comb e fa un po’ di cose.
Sveglia abbastanza presto, colazione latte e biscotti, computer, jogging, lamentarsi dell’ingiusto, chiacchierare. Tra queste cose a volte ci mette anche il disegno e la musica.

KCAJ & YFEF (Giacomo Fausti e Federica Mattioli):

KCAJ è un progetto al quale la condivisione è alla base di ogni pensiero, vive dal 2015 e produce merch di varia natura e dimensione con disegni e illustrazioni.
Dal 2017 Federica Mattioli(YFEF) è entrata a far parte del progetto ricamando oggettini, patchwork. KCAJ è Sempre alla ricerca di stimoli, tecniche e materiali con la curiosità e la voglia continua di crescere, sperimentare e condividere!

Nicholas Perra:

Coltiva una particolare attenzione e interesse per la grafica tradizionale e i processi di stampa, in particolare per la calcografia. Prosegue la sua ricerca sull’incisione e sulla monotipia nel proprio laboratorio attrezzato, presso il collettivo ‘’Checkpoint Charly’’ a Bologna. Periodicamente tiene lezioni nelle scuole superiori, sottolineando come le opere risultanti delle stampe possano incontrare un supporto diverso dalla tradizionale carta; in particolare opere murarie e street art sono contesti dove far ragionare in profondità la mente e lo stimolo degli adolescenti.

Iliass El Ouardi:

Attivo in un collettivo di autoproduzioni dal nome BGV e con esso ha partecipato a diversi eventi. Costantemente alla ricerca di nuovi stimoli e conoscenze sperimentando e crescendo sia come persona che come artista.